GUARIRE CON GLI INSEGNAMENTI INTERIORI DELLA TORA'



    Come era stato suggerito, Nadav ha ripreso un tema molto caro che è anche impregnato negli insegnamenti dello studio della Cabalà, la guarigione, intesa come completezza del vivere in accordo alle Leggi che regolano la Vita e ai principi con cui il Mondo è stato creato da D-o.


    Esempi di malattia e guarigioni nella Bibbia sono presenti in molti personaggi, da quello famoso di Miriam sorella di Moshe, all’episodio di Tobia che guarisce il padre con il fiele di un pesce o all’episodio di re Ezechia, che assediato in Gerusalemme dal re Sennacherib’s improvvisamente si senti mortalmente ammalato e il corpo fu coperto da orribili piaghe. Il Profeta Isaia gli dice: “Cosi dice il Signore, Tieni la tua casa in ordine, o tu morirari e non vivrai” …(Isaia 38.1; Il Libro dei Re II, 20.1)-

 
    Nadav ci parlerà di malattia e di guarigione, e molto altro ancora, insomma un interessante seminario di due giorni che ci restituira, gli strumenti per riappropriarci della gioia, la felicità di essere uniti a Se Stessi, e di esplorare l’infinito che ci circonda e fa parte di noi.

Ecco la sua nota introduttiva:

CABALÀ E GUARIGIONE 

Nuovi Input 

     La nostra scuola ha trattato varie volte la rete di connessioni tra Salute e Cabalà. Così è stato in un mitico seminario a Romena nel 2007, e poi in una serie di incontri sul Campo Unificato della Guarigione. Tuttavia la ricerca continua, con nuove ed entusiasmanti scoperte ed applicazioni.

     Come sapete, la Cabalà è un sistema di vita, una guida che ci segue in ogni passo della giornata. Col suo aiuto si vengono a creare le situazioni per mantenere un ottimo rapporto tra il corpo fisico e i vari livelli dell’anima, cioè della Consapevolezza. Vorremmo presentarvi in due incontri di una giornata, a Firenze, le ultime novità in questo campo così importante per tutti noi.

Il primo incontro:

"dal corpo delle parole alle parole del corpo "

dove si descrivono nuovi e più profondi aspetti e relazioni tra lettere-sefirot (i 32 Sentieri della Sapienza) e il corpo. Quando il “cablaggio” (Cabalà come Cablaggio) viene a mancare, si rischia l’insorgere della malattia che è sempre una "mancanza", un  foro (machalà, “malattia” è simile a chalal, “vuoto”) dal quale può penetrare di tutto.

È fondamentale mantenere l’equilibrio tra uno stato di Pienezza (Yesh), di sicurezza nelle proprie capacità, e di Vuoto (Ain), di umiltà recettiva e disponibilità a comprendere gli insegnamenti che gli eventi portano con sé. La vita è un continuo chiamarci a mutare ed adattare la nostra consapevolezza. Nel contempo è indispensabile mantenersi fedeli e costanti alla rotta indicata dalle scelte basilari del credo etico, spirituale e religioso che abbiamo fatto. La salute sta nell’armonizzarsi di tutti queste componenti. Lettere e Sefirot, insieme alla loro corrispondenze, ci aiutano in tutto ciò, sia dall’interno che dall’esterno.

 

Nadav Hadar

 

This site was created by 2ALL | WebSites building